PASCIANO

 

                                   Gruppo di case in cima alla collina

                             o abbarbicate lungo il suo versante,

                             cos ti mostri, all'occhio del viandante,

                             che incuriosito verso te cammina.

 

                             O pittoresco, piccolo villaggio

                             dai tetti rossi e dalle bianche mura

                             ai tuoi abitanti, dalla tempra dura,

                             avari di parole, ma dal saggio

 

                             parlar sommesso della gente onesta,

                             sei casa, patria, mondo ed universo;

                             sembri deserto, muto, invece verso

                             la sera che precede il d di festa

 

                             esce a gruppi la gente dalle case

                             parlottando di campi e di lavoro

                             e, al suon dell'organetto, ecco coloro

                             che provano a cantare qualche frase

 

                             dal metro stanco e dalla rozza rima,

                             mentre gli altri fan circolo d'intorno

                             lieti di star lontano, per un giorno,

                             dai campi che han lasciato poco prima.

 

                             Pian piano nasce, timida e sincera,

                             una danza spontanea, primitiva,

                             che poi si fa pi mistica ed arriva

                             al punto che rasenta la preghiera.

 

                             Ma tardi ormai, la bocca si fa muta,

                             tornano i volti ad esser pensierosi,

                             gli occhi cercano, stanchi e premurosi,

                             la terra, tra le tenebre perduta.

 

                             Torna triste la gente ai focolari

                             ma il cuore ormai tornato in mezzo ai campi

                             torna alle case, vero, ma con ampi

                             sospiri, segue i suoi pensieri amari.

 

                             Pensa ognuno al lavoro, eterno, duro,

                             pensa alla terra, parte di se stesso,

                             si confida, ed il suo parlar sommesso

                             cessa soltanto nel giaciglio oscuro.

 

                             E tu, caro villaggio, tra le braccia

                             ti culli i tuoi abitanti, premuroso.

                             Caro villaggio, sai com' prezioso

                             e onesto il loro sonno. Veglia e scaccia

 

                             ogni rumore, fa tacere il vento,

                             zittisci gli animali della notte,

                             fa che restino quieti nelle grotte,

                             e tacciano. Soltanto il firmamento

 

                             segua i sogni dei tuoi, l'empia di stelle,

                             li cosparga di polvere d'argento;

                             lascia ch'essi si cullino tra cento

                             dolci illusioni e tra speranze belle.

 

                             Fuori, resta la luna a vigilare

                             sui tetti rossi e sulle bianche mura,

                             mentre intorno la buona terra oscura

                             dai tanti figli suoi si lascia amare.