Il macello

                    Lo stagnino un uomo Lesto

                    al mattino si alza presto

 

                    studia molto con il cervello

                    dove aprir deve un macello

 

                    se lo apre alla Forcelle

                    non ci uccide quattro agnelle

 

                    se lo apre qui a Pasciano

                    uccide un bue maremmano

 

                    disse Umberto di Pasciano

                    glie lo disse piano piano

 

                    io ti vendo la licenza

                    e al resto ce si pensa

 

                    compinato questo affare

                    lo stagnino a gran da fare

 

                    Giustiniani il suo compare

                    anche lui si da dafare

 

                    lui prepara la cantina

                    con maniera sopraffina

 

                    e fra se fa una pensata

                    di scagliar qualche corata

 

                    tutti a dire del macello

                    del tagliere e del coltello

 

                    e Geppetto delicato

                    parla molto intusiasmato

 

                    e Virginio vecchiarello

                    vo la carne di vitello

 

                    ma Angelante un poco avaro

                    vo la carne de somaro

 

                    ma Pasciano e  un bel paese

                    e la gente e assai cortese

 

                    e per primo don Mattia

                    che ne parla in sacrestia

 

                    mentre tutto si prepara

                    nel parlar si fa cagnara

 

                    disse allora Benedetto

                    il macello anchio lo metto

 

                    parte Ernesto e va di fretta

                    il macello lo progetta

 

                    arrivato in Amatrice

                    alla giunta questo dice

 

                    mi levai da quella lista

                    che si disse comunista

                     

                    come e giusto e io ci penso

                    che ci vuole il ricompenso

 

                    assessori e consiglieri

                    fra lor fanno dei pensieri

 

                    pensa tutti che a Pasciano

                    due macelli e un caso strano

 

                    poi si disse non ci frega

                    se si fa unaltra bottega

 

                    e con modo molto bello

                    vi e concesso tal macello

 

                    cio sapendo lo stagnino

                    disse adesso mi arrovino

 

                    che partiti li signori

                    per i macelli so dolori

 

                    Tramontana assai contento

                    e gia pulisce il pavimento

 

                    e con modo molto raro

                    si prepara l'ancinaro

 

                    Cesare della Rocca

                    disse adesso quando fiocca

 

                    lo stagnino per dispetto

                    le macella  Benedetto

 

                    e per questo ci sta Nena

                    che si sente una gran pena

 

                    e speriamo che il dolore

                    non si aggravi se no muore

 

 

                    Giustiniani riferisce

                    come meglio e piu capisce

 

                    se le cose vanno male

                    a forcelle se va uguale

 

                    e si mette all osteria

                    e ti parla con allegria

 

                    dice a tutti Damiani

                    puo ammazzare solo i cani

 

                    Angelina delicata

                    glieci regala una corata

 

                    con maniera molto lesta

                    gliecciaggiunge anche la testa

 

                    preso alloara il fagottello

                    dice e viva sto macello

 

                    dice a tutti Tramontana

                    deve fa solo la lana

 

                    sor Vincenzo a tutti a detto

                    deve vince Benedetto

 

                    e per far maggior fracasso

                    sa ci vuole il ribasso

 

                    anche il Moro con Milordo

                    vanno spende qualche sordo

 

                    ma la carne costa cara

                    e Milordo fa cagnara

 

                    oramai si capisce

                    nel pensare a chi fallisce

 

                    ce chi dice Benedetto

                    deve dire io la smetto

 

                    ce chi dice lo stagnino

                    pesa solo a vende il vino

 

                    e al riguardo del macello

                    butta via pure il coltello

 

                    non si sa tutta l'estate

                    chi piu pecore ammazzate

 

 

                    per potere raccontare

                    si dovrebbero contare

 

                    e disse la pecorella

                    deve cresce grosse grassa e bella

 

                    stanno a dire alle Forcelle

                    sono grosse e sono belle

 

                    ma comunque fosse andata

                    la storiella e preparata

 

                    son sicuro e ci scommetto

                    che non piace a Benedetto

 

                    se mi avesse regalato

                    un bel chilo de castrato

 

                    e allora avrebbe detto

                    che vinceva Benedetto

 

                    gli dicevo gran cose bone

                    per la carne de montone

 

                    senza sordi e senza ciccia

                    il poeta non si impiccia

 

                    lo stagnino e una persona

                    che ti parla e ti ragiona

 

                    uguale a Benedetto

                    e per cio non fo il dispetto

 

                    se gli faccio fare un sogno

                    cari amici che guadagno

 

                    lo stagnino non da niente

                    Benedetto fa ugualmente

 

                                   il Poeta